Osservare sott’acqua

I nostri occhi, in superficie, riescono a mettere a fuoco offrendoci immagini più o meno nitide, ovviamente in funzione dei nostri difetti visivi. 
La luce colpisce il nostro occhio sulla cornea, trasparente ed incolore, che grazie alla curvatura, rifrange la luce che passa attraverso la pupilla. Questa, modificando il suo diametro, ne regola la quantità che entra all’interno dell’occhio. Tale variazione viene controllata dai muscoli dell’iride, la zona colorata dei nostri occhi. Maggiore è la quantità di luce ambiente, minore è il diametro della pupilla, aumentando di conseguenza la profondità di campo dell’immagine retinica, e viceversa. Dopo la pupilla si trova il cristallino, paragonabile ad una lente biconvessa, che filtra e convoglia la luce che entra nell’occhio. La sua curvatura varia grazie alla contrazione del muscolo ciliare, consentendoci così di mettere a fuoco oggetti posizionati a distanze diverse. Infine, la luce arriva alla retina, che riveste internamente l’occhio. E’costituita da milioni di elementi sensibili, che trasformano la luce in impulsi elettrici. Sarà compito del nervo ottico farli arrivare al cervello, dove verranno trasformati in immagini.
L’acqua riduce fortemente il potere rifrattivo corneale. Nonostante si possieda “una vista da falco”, le immagini appariranno comunque sfocate: non andranno a fuoco sulla retina, ma in punto posteriore ad essa. E’ come se ci trovassimo in una condizione di ipermetropia di, circa, 40 diottrie.
Sott’acqua, per avere una visione nitida, siamo costretti ad interporre uno spazio d’aria tra il nostro sistema visivo e l’acqua. Per questo si utilizza la maschera, che comunque non lascerà i nostri occhi indenni da altre alterazioni. Il fenomeno che influenzerà maggiormente la vista sarà quello della rifrazione: la luce, passando nell’interfaccia tra due mezzi, dotati di proprietà fisico-chimiche diverse, varia la sua velocità di diffusione, deviandone i raggi. Nel nostro caso, la luce, dall’aria, si ritrova ad attraversare l’acqua, il vetro della maschera ed infine l’aria contenuta all’interno della stessa. Durante questi passaggi, tra sostanze con diversa densità, verrà rifratta ripetutamente, facendoci vedere gli oggetti il 33% più grandi e il 25% più vicini. Un esempio pratico lo si può fare mettendo una matita in un bicchiere pieno d’acqua: la visione della porzione di matita immersa nel liquido apparirà inclinata e più grande rispetto a quella fuori dal liquido.
In realtà il fenomeno della rifrazione ha delle variabili che dipendono sia dall’inclinazione del raggio di luce rispetto alla superficie del mare, che dalla posizione del soggetto rispetto all’asse visivo: tali variabili influenzeranno il fattore d’ingrandimento.
Invece, quando la distanza tra noi e il soggetto aumenta, la perdita di contrasto data dal fenomeno dell’assorbimento, causerà un’inversione visiva: gli oggetti sembreranno più distanti e piccoli.
Anche la torbidezza dell’acqua influirà sulla nostra capacità di valutazione delle distanze.
Per garantirci una visone ottimale e un maggior confort, la maschera ha subito notevoli modifiche dalla sua prima apparizione.
Al contrario di quanto si possa pensare, l’invenzione di questo strumento è abbastanza recente. Il primo prototipo lo si deve, intorno agli anni trenta, a Guy Gilpatric e Alec Kramarenko. Copriva solo gli occhi non consentendo la compensazione dello schiacciamento della stessa, dato dall’incremento di pressione durante la discesa. Nel 1937, Maxime Forjot ne brevettò una che copriva anche il naso, ma non consentiva di stringerlo per compensare l’aumento della pressione nelle orecchie. La maschera utilizzata dai subacquei “moderni” è frutto di diversi contributi dati negli anni quaranta da personaggi come Ludwig Mares, Egidio Cressi, Luigi Ferraro, patron della Technisub, e Dario Gonzatti, il primo a realizzare l’alloggio per il naso.
Una delle caratteristiche più importanti di una maschera è quella di avere un ampio campo visivo. Questo è l’insieme dei punti dello spazio visto da ogni singolo occhio immobile, che si sovrappongono in una zona centrale.
Maggiore è il campo visivo del subacqueo, migliore sarà la sua capacità di individuare oggetti, pericoli e tenere sotto controllo gli strumenti senza muovere la testa.
I vetri di una maschera devono essere il più vicino possibile ai nostri occhi per limitare gli impedimenti causati dal telaio portavetri. Per quanto con un vetro unico la visione sia più chiara, è più difficile avvicinarlo ai nostri occhi per l’ingombro della protuberanza nasale. La soluzione è quella di inserire dei vetri laterali sul telaio stesso o più semplicemente utilizzarne separati.
Oggi viene posta molta attenzione anche all’ampliamento del campo visivo verticale, che presenta delle difficoltà rispetto quello orizzontale, attuabile semplicemente con la rotazione del capo. Per risolvere il problema, i vetri della maschera vengono allungati e inclinati verso il basso, o inserendone anche nella porzione inferiore del telaio. Infatti, durante un’immersione è di fondamentale importanza riuscire a tenere sotto controllo gli strumenti agganciati sul nostro giubbetto equilibratore come manometri e computer in consolle, o la stessa fonte d’aria alternativa.
A nulla vale un ampio campo visivo, se i vetri della maschera si appannano. Si pensa che questo avvenga per la differenza di temperatura tra l’esterno e l’interno, che invece incide solo in piccola parte. In realtà, il fenomeno si manifesta quando i vetri sono sporchi.
All’interno della maschera il tasso di umidità è molto vicino al 100%. Il vapore, condensandosi, si deposita sotto forma di goccioline su ogni minimo frammento di sporco. Con le nuove maschere, realizzate in silicone, il problema è ancora più evidente rispetto alle vecchie, realizzate in gomma.
Durante la produzione, il silicone del facciale viene ricoperto da un prodotto chimico  per favorirne la fuoriuscita dallo stampo. Questo, successivamente, si deposita sui vetri, anch’essi ricoperti da speciali sostanze protettive durante la lavorazione.
Le maschere appena acquistate vanno sgrassate per bene prima di essere utilizzate. E’ possibile farlo utilizzando dentifricio, sapone o detersivi per vetri, evitando prodotti che potrebbero irritare gli occhi. Se tale pulizia non dovesse essere sufficiente a risolvere il problema, bisognerà smontare i vetri e carbonizzare i depositi, bruciandoli con un accendino.
 Prima di ogni immersione, quando i vetri sono ancora asciutti, è bene ricoprirne la parte interna con un “tensioattivo”, contenuto solitamente in saponi liquidi. Sono altrettanto efficaci gli “enzimi” della nostra saliva … sempre a portata di mano.
Un altro problema nell’utilizzo della maschera, è quello di doverne equilibrare la pressione interna durante la fase di discesa. La mancata compensazione porta al “colpo di ventosa”, con danni alla superficie esterna dell’occhio, congiuntiviti e emorragie sottocongiuntivalie. Più raramente viene danneggiata la struttura interna dell’occhio da emorragia endooculare.
Compensare la maschera durante un’immersione è abbastanza semplice: è sufficiente insufflare aria al suo interno col naso. Con l’autorespiratore, l’aria contenuta nella vie respiratorie superiori, già a pressione ambiente, equilibrerà quasi automaticamente lo schiacciamento.
L’operazione risulta più delicata durante un tuffo in apnea: l’aria, insufflata dal naso all’interno della maschera non potrà più essere utilizzata, se non in minima parte. Vista la scarsa quantità di aria a disposizione nei polmoni di un’apneista, il volume interno della sua maschera deve essere il più ridotto possibile, anche a discapito del campo visivo.
Anche per coloro che hanno dei difetti visivi esistono soluzioni per godere appieno l’immersione: è possibile sostituire i normali vetri con quelli graduati, o applicare lenti correttive a quelli esistenti.
Alcune ditte producono anche dei telai su cui applicare i normali vetri degli occhiali. Riducono il campo visivo e aumentano le superfici appannabili.
Nel caso di lenti a contatto, l’utilizzo si deve limitare esclusivamente a quelle morbide e gas permeabili, al fine di evitare formazioni di bolle tra la lente e la cornea, che potrebbero causare sintomi dolorosi e disturbi visivi. Un altro problema si potrebbe presentare se, per un qualsiasi motivo, la maschera dovesse essere strappata dal nostro viso: in questo caso, la perdita delle lenti sarebbe irrimediabile.

© M.G.

Foto tratte dal web

Articoli correlati:
Perchè il mare è blu ?
La pressione sott’acqua

Annunci

~ di mediterraneapassione su giugno 17, 2008.

9 Risposte to “Osservare sott’acqua”

  1. Scusa l’OT, ma non resisto…
    Vedo che EDIGA sta facendo furore! Bene, bene, bene!
    Spero proprioc che tutta questa pubblicità serva… 😉

    P.S. Tra te, Bestia e Valeria mi state traviando con gli squali… 🙂

  2. ma di mestiere fai l’istruttore di sub?
    cavolo ho letto tutto il post e ti faccio i complimenti
    io che sono ignorante in materia ho capito e imparato molte cose,
    che non sempre avviene in altri siti perchè scrivono in modo troppo tecnico, si capiscono solo tra di loro
    chissà se riuscirò mai a superare quella bariera che si chiama profondità…
    ciao carissimo 🙂

  3. irish, dovresti vederlo all’opera quando fa le sue lezioncine…non per essere spudoratamente di parte, ma l’uomo in questione è uno dei migliori che circolino per la piazza…prudente, esauriente, responsabile, preparato…se dovessi decidere di andare sott’acqua, non vorrei altro istruttore…poi, la cosa più importante è il rispetto profondo che ha per il mare e le sue creaature…non prenderebbe neppure una ciprea se dentro fosse abitata…mi si gonfia il petto d’ammirazione…*_*

    Amoooooreeeee…io vengo sott’acqua se mi compri la paperella!!!

  4. @ Viviana … Le vere bestie sono coloro che si prodigano indiscriminatamente nel distruggere qualcosa di meraviglioso. Gli Squali sono animali come tutti gli altri. Una anello di una catena delicatissima. La loro assenza sconvolgerebbe irrimediabilmente equilibri già molto poco stabili. Ci vorrebbe un’ EDIGA anche per loro.

    @ Irish Coffee … Purtroppo lo faccio a tempo perso per pura passione. Vorrei fosse la mia professione, ma quà in Sicilia non ci si campa. Come feci in passato dovrei andare via, all’estero.
    Chissà .. forse un giorno faccio un colpo di testa. Acchiappo la mia “Gatta di mare”, e scappo via di nuovo in giro per il mondo. Ma solo se lei concorda … altrimenti … restò quà a continuare a farlo con immensa passione per coloro che mi conoscono e sanno con quanto amore lo faccio.
    Il problema non è la profondità. Bisogna solo trovare un’istruttore che ti dia piena e totale fiducia. Deve farti sentire sicura. In passato ho avuto persone che non volevano più tornare sott’acqua dopo pessime esperienze, e con enorme pazienza sono riuscito a riportale giù. Sono piccole soddisfazioni.
    Ma la soddisfazione più grande sarà quella di riuscire a porte sott’acqua una “gatta”. Sarà dura … ma prima o poi … 😀

    @ Aguamala … amore mio … mi fai diventare rosso.
    Amore considera che stò andando a comprarla … la paperella.
    Te ne compro a centinaia !!! 🙂
    Come già ti ho scritto e detto, la mia più grande soddisfazione è quella di vedere lo stupore nei tuoi occhi quando guardi attraverso i vetri della maschera le meraviglie del mare.
    Ti ricordi le nostre passeggiate in snorkeling ???
    E quanto abbiamo girato per trovare i minicalzari per la tua misura ????
    Le pinne le hai .. adesso tocca a maschera e mutino 😀
    Ti amo

  5. ciao ho copiato una tua ricetta: i totanetti con rucola e pinoli 😉 spero non ti dispiacia e ti ho citato sul mio blog! un saluto a presto Pippi

  6. buona giornata!

  7. ed io che non vado sott’acqua?

  8. Molto interessante, per poco non svenivo leggendo i probabili fastidi dovuti alla mancanza di compensazione della maschera in fase di discesa ma vabbé si sa che son troppo delicata per queste cose 😛
    Un salutone miky 😉

  9. Ciao Miky, ti ho scritto una mail privata all’indirizzo che mi lasci nel mio blog.
    Aspetto tue notizie presto!
    Ho lasciato un commento anche alla tua amata! 😀
    Siete veramente due belle persone!
    A presto,
    Alberto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: