Sabbia e schiuma

“Sempre camminerò per queste spiagge
tra la sabbia e la schiuma dell’onda.
L’alta marea cancellerà l’impronta
e al vento svanirà la schiuma.
Ma sempre spiaggia e mare rimarranno.” 

K. Gibran

foto: © M.G.

Annunci

~ di mediterraneapassione su maggio 22, 2008.

7 Risposte to “Sabbia e schiuma”

  1. Eccomi qui, prontamente reindirizzata dal tuo intervento da Valeria e subito… folgorata!
    Io amo Gibran!!!
    Quindi, così, a fiducia, grazie a questa subitanea “folgorazione”, ti linko da me! 😉
    A presto!

    P.S. Mi piace molto anche il tuo EkoLink!

  2. Buona giornata, Gibran è bravissimo.

  3. @ Viviana … Occhio alle folgorazioni … L’amora mia è tanto gelosa 😀
    Grazie per la fiducia, passerò dal tuo blog quanto prima a trovarti.
    L’eko link lo trovi anche su Mediterraneo che stiamo provvedendo a riattivare.

    @ http500 … Gibran per iniziare bene la giornata 🙂

  4. No, no, la mia è una folgorazione del tutto platonica! Sono felicissimamente fidanzatissima… 😀
    Intanto ho firmato la petizione e scritto un post pro-squali (che, peraltro, mi terrorizzano letteralmente… ma non per questo voglio disinteressarmi del loro destino!)

  5. @ Viviana … L’avevo letto nel tuo blog … 🙂
    Il terrore dallo squalo è un concetto che ci viene inculcato da credenze popolari totalmente errate. Film e documentari che descrivono questo splendido animale come bestia feroce fanno il resto. Ma basta documentarsi un po più a fondo per scoprire che l’uomo per loro è pure indigesto. E’ vero che alcuni di loro hanno il vizietto di “assaggiare” quello che trovano a portata di bocca. Ma sono pochissime specie a farlo. Ho avuto modo di nuotare in mezzo a grigi, pinna bianca, martello, ed altre specie, e non ho mai notato alcuna aggressività. Anzi, in alcune immersioni sono andato proprio a cercarli. Vederli nuotare nella loro possenza da un’emozione unica.

  6. Mmmh… Non ho mai visto un film tipo “Lo squalo” in vita mia, ho cercato di documentarmi (in effetti, non mi perdo un documentario!), ma la paura resta… Credo sia proprio parte di me, non so come spiegarlo.
    So persino che per loro la nostra carne non è appetibile (il fatto che quando ti “assaggiano”, scambiandoti per un’otaria, ti staccano una gamba però non è che mi aiuti molto… Non lo fanno apposta, ok, si tratta di un errore, ok, ma intanto ci resti secco o quasi!).
    Guarda, credo di averle provate proprio tutte per farmi passare questa fobia del tutto irrazionale, ma senza il benchè minimo successo. 😦

  7. Questa poesia è a dir poco splendida.
    Il mare rimarrà per sempre. Ci sopravviverà. E’ segno di continuità, di vita.
    Un caro abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: