Il polpo

Il polpo, o Octopus Vulgaris, è un mollusco Cefalopode Ottopode, ovvero dotato di otto tentacoli.
A seconda della specie, vive su fondali sabbiosi o rocciosi e posidonie. Quello di sabbia ha la caratteristica di avere una sola fila di ventose sui tentacoli.
Tra le rocce, durante un’immersione notturna è possibile incontrare la “polpessa”, che non è la femmina del polpo, come potrebbe farci pensare il nome. Si tratta dell’Octopus Macropus, una specie con tentacoli più lunghi e sottili, caratterizzata da una colorazione rossiccia maculata bianca.
Individuare un polpo sott’acqua non è facile. Si infila in buchi di dimensioni ridottissime, o riesce a mimetizzarsi con i colori del fondale, grazie ai cromatofori di cui è dotata la pelle. Quando viene scoperto, sentendosi minacciato, gonfia smisuratamente il proprio corpo, in modo da intimidire il nemico. E se questo non dovesse bastare, lo si vedrà sparire dietro una nuvola nera emessa da un sifone che fuoriesce dalla base della testa, utilizzato anche come propulsore per rapidi spostamenti.
Davanti alla sua tana dispone una buona quantità di sassolini che, in caso di pericolo, utilizza per tapparvisi dentro. Spesso, nei dintorni della tana, è possibile trovare gusci di Haliotis Lamellosa, o Orecchia di mare.
Predilige cibarsi di molluschi, bivalvi, ricci o crostacei. Dopo aver forato il guscio col robusto becco, posizionato al centro dei tentacoli, immobilizza l’animale con la sua saliva per cibarsene avidamente. Invece, coi bivalvi, usa una tecnica a dir poco straordinaria: vi si avvicina furtivamente, e col tentacolo, infila un sassolino tra le due valve, impedendo al malcapitato di richiudersi.
L’intelligenza del polpo è paragonabile a quella degli animali domestici. Rispetto alle dimensioni è dotato di una notevole massa cerebrale. Basti pensare che un esemplare non ammaestrato, in meno di due minuti, riesce a svitare il tappo di una bottiglia, per recuperare un gamberetto al suo interno e cibarsene (vedi video polpo Octi).
Ricordo di aver letto il racconto di un polpo, che, dopo essere uscito dal suo acquario per mangiare il crostaceo di un’altra vasca, sia pacificamente tornato alla sua dimora.
E’ un animale estremamente intuitivo: riesce a capire le intenzioni di chi lo fronteggia e si concede facilmente a giochi in presenza di sub animati da buone intenzioni.
I nemici del polpo sono la cernia, il gronco e la murena.
Il periodo degli amori è l’estate. L’organo riproduttivo è uno dei tentacoli, più piccolo e sottile, chiamato ectocòtilo.
La femmina depone le uova sul soffitto della tana, come delle stalattiti. Durante questo periodo, fino alla schiusa, non si muoverà mai dalla tana, arrivando perfino alla denutrizione. Sa bene che se dovesse abbandonare le uova, gli altri pesci ne approfitterebbero per farne incetta. I piccoli, già formati, nasceranno a settembre.
Le dimensioni massime, normalmente, raggiungono gli otto chili di peso per il metro e cinquanta, due metri di lunghezza. Esistono casi di ritrovamenti di esemplari anche di venticinque chili.
Per pescarlo, spesso, viene sfruttata la sua caratteristica di scegliere cavità come abitazione. Un esempio viene fornito dai pescatori tunisini, che utilizzano degli orci perforati, i Gargoulettes, uniti in serie da una cima, calati sul fondo del mare.
Vengono anche utilizzate lunghe fiocine da pescatori che osservano i fondali dalla superficie. O facendo saltellare sul fondo la polpara: un piombo, di forma conica, solitamente dipinto di bianco, dotato di ami alla sua base.

Testo e foto polpo © M.G.

Il video di Octi

Annunci

~ di mediterraneapassione su maggio 21, 2008.

14 Risposte to “Il polpo”

  1. Buono il polipo. 🙂 Dovremmo chiedere a Claudia qualche suggerimento su come cucinarlo al meglio! 😉
    Un abbraccio.
    princi

  2. ohhh! finalmente la conferma a una cosa che ho sempre pensato: “E’ un animale estremamente intuitivo: riesce a capire le intenzioni di chi lo fronteggia e si concede facilmente a giochi in presenza di sub animati da buone intenzioni.”
    Diversi anni fa durante una delle mie scorribande in apnea mi sono imbattuta in un grosso polpo nascosto sotto una roccia sporgente dove ero andata a curiosare: me lo ritrovai davanti alla maschera col suo bel faccione e il sifone con cui respira ben in evidenza… io rimasi incantata ad osservarlo e tornai più volte in superficie a riprendere aria… lui non si scompose di una virgola, rimase lì fermo e paziente ad osservarmi a sua volta, probabilmente a chiedendosi quando finalmente me ne sarei andata…
    mi sembrava proprio che avesse capito che volevo solo guardare, senza pescare! e si che sarebbe bastato allungare una mano….
    ad un certo puto ebbi addirittura l’impressione che mi strizzasse l’occhio! ovviamente non si trattò di questo, ma interpertai così un movimento degli occhi e me ne andai divertita dalla sua impassiblità e calma… pensa che per più di tre anni, dopo quell’episodio, non sono riuscita a mangiare polpi!

    • Magari era un Polpo diplomatico, grazie a questa sua performance ha risparmiato tante vite di altri suoi simili.

      Io non mangio piu’ carne da almeno 3 anni, ancora mangio frutti di mare e pesce, ma vorrei smettere, perche’ tutte le creature intorno a noi mi fanno estremamente tenerezza

  3. Sempre interessante leggere i tuoi post.
    Sì, sapevo dell’intelligenza del polpo.
    Mi è capitato varie volte di vederli al mare, ma la cosa che mi ha fatto veramente impressione è stato una volta sentirmi quasi “fissata” da un occhio, grande, che si scorgeva da dentro una tana. Sembrava quasi un occhio umano.

    Ha ragione Princi. Che buono…

    buona serata e a presto

  4. @ Princi … ho gia provveduto a sottoporre il quesito a chi di dovere 🙂

    @ Valeria … Da cacciatore di polpi (così è cominciata la mia carrriera di sub) ho cominciato a giocarci. Non hai idea di quanto sia giocherellone. Quando percepisce intenzioni positive, si lascia carezzare con estrema disinvoltura. Non accenna minimamente alla fuga. Non per nulla viene considerato uno degli animali più intelligenti del mondo marino.

    @ Melania … Non ho una vena poetica. Questo è il mio modo per esprimere l’amore per il mare.
    Per quanto non lo peschi più, ne sono ghiotto anch’io.

  5. ehi ma che si fa si parla di me? ahahahah
    Princi, io avrei anche una ricettina di polpo in insalata già pubblicata e buona buona, è in una delle ricette di maggio, quindi Mike se vuoi copia pure e pubblica da queste parti 🙂
    serena notte
    princi ti metto tra i preferiti, scusa Mike 😉
    Cla

  6. mike ma che facciamo postiamo quasi in contemporanea? ahahahah
    siamo allineati non c’è che dire
    notte notte
    ***

  7. 😦 si una volta tanti anni fa ho assistito ad una pesca al polipo, sinceramente mi vien da dire poveretti…anche se poi quando si mangiano ci si lecca le dita
    quello che mi chiedo da sempre…
    ma quando mi capita di acquistarlo spesso mi sento dire…non abbiamo polipi ma piovre…
    e si 😦 sono proprio ignorante in materia…

  8. Miky
    la ricetta è qui http://scorzadarancia.blogspot.com/2008/05/insalata-di-totanetti-e-pinoli.html in questa ricetta non sono polpi ma totanetti ma comunque è una preparazione che si può utilizzare con dei polpi piccoli e teneri
    ciao
    Cla

  9. @ Claudia … ok 🙂

    @ Irish Coffee … Noi Siciliani li chiamiamo Purpi … in catanese ad esempio Puppu ha anche un’altro significato 😀
    Il chiamarlo Piovra è una consuetudine del Nord Italia.
    Il nome corretto comunque è Polpo. Non per fare il saccente, ma i Polipi sono un’altra cosa … molto diversa.

  10. o_O se non fai il “maestrino” non sei contento nè?
    Prrr
    Ti mao miao…

  11. @ Aguamala(la miao amora)

    Io maestrino ???? 🙂
    Senti chi parla !!! 😀

    Meooo … prrrr

  12. vorrei sapere se si ha un’idea, anche vaga di quanto possa vivere un polpo, mi hanno detto non più di un anno, un anno e mezzo, ma ci sono polpi che superano abbondantemente i 10 kg e questo mi fa pensare che un anno e mezzo non basti. Qualcuno mi può dare una risposta? Grazie

  13. devo fare una ricerca per la prof. sul polipo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: