Casa sul mare

Il viaggio finisce qui:
nelle cure meschine che dividono
l’anima che non sa più dare un grido.
Ora i minuti sono eguali e fissi
come i giri di ruota della pompa.
Un giro: un salir d’acqua che rimbomba.
Un altro, altr’acqua, a tratti un cigolio.

Il viaggio finisce a questa spiaggia
che tentano gli assidui e lenti flussi.
Nulla disvela se non pigri fumi
la marina che tramano di conche
I soffi leni: ed è raro che appaia
nella bonaccia muta
tra l’isole dell’aria migrabonde
la Corsica dorsuta o la Capraia.

Tu chiedi se così tutto vanisce
in questa poca nebbia di memorie;
se nell’ora che torpe o nel sospiro
del frangente si compie ogni destino.
Vorrei dirti che no, che ti s’appressa
l’ora che passerai di là dal tempo;
forse solo chi vuole s’infinita,
e questo tu potrai, chissà, non io.
Penso che per i più non sia salvezza,
ma taluno sovverta ogni disegno,
passi il varco, qual volle si ritrovi.
Vorrei prima di cedere segnarti
codesta via di fuga
labile come nei sommossi campi
del mare spuma o ruga.
Ti dono anche l’avara mia speranza.
A’ nuovi giorni, stanco, non so crescerla:
l’offro in pegno al tuo fato, che ti scampi.

Il cammino finisce a queste prode
che rode la marea col moto alterno.
Il tuo cuore vicino che non m’ode
salpa già forse per l’eterno.

Eugenio Montale, Ossi di seppia; Meriggi e ombre

foto: © M.G.

Annunci

~ di mediterraneapassione su maggio 5, 2008.

8 Risposte to “Casa sul mare”

  1. La poesia è molto bella… mi lascia un po’ perplesso la foto: alla faccia della casa sul mare.

  2. mi mandi un po’ di mare?:D

  3. io adoro Montale, la foto della casa è stupenda
    ciao
    Cla

  4. Mi son perso un po’ di cosette, ottima la ricetta e pazzesco il calamarone (Pensa alla frittura!!! hihihihi) Ho scritto ben 4 post sul mio ponte! Hai ragione a ribadirlo GRAN CULO!!! Ogni volta che ci penso me lo dico da solo! E di cose sott’acqua ne ho trovate tante ma così… A Presto Miki

  5. La poesia è meravigliosa…la commentai all’esame di maturità… il poeta il questione lo amo almeno quanto lui ama il suo mare…
    La foto mi ricorda questa canzone, che pure amo moltissimo:

    “La casa che vorrei ha un piccolo giardino dove ci corre un cane e un gatto gli è vicino…
    la casa che vorrei ha mura colorate, sarà calda d’inverno e fresca per l’estate…
    la casa che vorrei avrà il mare di fronte e melodie di pioggia al ritmo delle onde…
    la casa che vorrei ha un figlio tutto nostro, le mani di sua madre e gli occhi miei d’inchiostro…
    la casa che vorrei avrà le porte apetre e chi sentirà freddo avrà calde coperte…
    la casa che vorrei avrebbe senso se non fossi io a volerla ma fossi tu con me…
    la casa che vorrei ha al centro un focolare,la madia della notte per lievitare il pane…
    la casa che vorrei ha un piano sottovoce e una candela accesa amarsi in controluce…
    la casa che vorrei ha un pianoforte aperto per poi cantare insieme le note di un concerto…
    la casa che vorrei accoglie dentro un vecchio che ci farà impazzire ma ci farà accettare le rughe nello specchio..
    la casa che vorrei avrà le porte aperte al mondo dei diversi o a mille e più scoperte…
    la casa che vorrei avrebbe senso se non fossi io a volerla ma fossi tu con me…” (La casa che vorrei- Michele Pecora)

  6. @ PDBmaster … Adoro quella casa sul mare. La ricordo in quel posto da sempre. Oltretutto se vedessi il contesto del luogo in toto ne resteresti ancora più stupito.

    @ http500 … Mhhh … in bottiglietta va bene ??? 😀

    @ Claudia … anche a me piace tanto Montale, anche se ho imparato ad apprezzarlo da poco. La casa puoi anche andare a vederla. C’è una frazione di Porticello che si chiama Sant Elia.
    Il posto è splendido per una giterella.

    @ Manuel … ho visto i tuoi post, ma ho avuto poco tempo. Mi riprometto di spulciarmeli con calma. Non amo leggere i racconti delle immersioni in modo superficiale. Un’evento molto lieto, precedenza assoluta, mi ha distolto un attimo dai blog. Passerò quanto prima. Ciao amico di bolle.

    @ demi4jesus …
    “la casa che vorrei avrebbe senso se non fossi io a volerla ma fossi tu con me…”
    Behhh … leggendo il testo … questa è la frase che mi ha colpito di più. Tornare a casa con la persona che ami, addormentarti, così come svegliarti con lei, sono gesti di tutti il giorni ma che riempiono il cuore. Oggi sono felice di rivivere quest’emozione. Svegliarmi prima di lei e guardarla coi primi raggi di luce che entrano dalla finestra … e, anche se sai che non può sentirti, sussurrarle … Ti amo.

  7. @Miky: Montale è Montale. E quella casetta è deliziosa. Mi sa di abusivismo edilizio, però.

    @Noemi: che bella la canzone di Pecora… dolce come una filastrocca!

  8. MA QUESTA CASETTA SUL MARE L’AFFITTANO?????

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: