Ricordi …

Quando eravamo veramente in pochi ad assaporare il gusto del blu e i diving non avevano motivo di esistere, ci si organizzava nei fine settimana con propri mezzi. Gommoncini o barchette che oggi sarebbero un po’ ridicoli, erano il mezzo per farci sentire un po’ pionieri.
A quei tempi le nostre conoscenze erano veramente poche, ma non esitavamo ad avventurarci a profondità di tutto rispetto. Quando ripenso alle mie immersioni di allora mi ritengo un miracolato.
Oggi la secca della Formica è uno dei posti più frequentati dai sub locali, ma continua ad avere un fascino incredibile.
Un sabato mattina come tanti altri …. si mette il gommone in acqua al porticciolo di Porticello.
Il tempo e il mare ci accompagnano, il sole scalda con un tepore primaverile che mette particolarmente di buon umore.
Con Marco carichiamo ceste e attrezzature con un pò di fatica in più: lasciati i monobombola a casa, abbiamo fatto caricare i bibombola un pò oltre il limite consentito. Vogliamo andare un pò più fondi.
Appena fuori dal porto la prua del gommone è già in direzione della secca.
Arrivati sul luogo d’immersione ormeggiamo in modo che, anche se dovesse cambiare la corrente, l’imbarcazione non corra rischi. Il sommo della secca arriva a pelo d’acqua.
Montiamo con calma le attrezzature, molto meno sofisticate di quelle che usiamo oggi, ma altrettanto funzionali. Indossiamo mute e bombole e siamo subito in acqua.
Un’ultima occhiata ai manometri, ci scambiamo un rapido ok a pelo d’acqua e, mano ai comandi dei nostri antidiluviani giubbetti equilibratori, sgonfiamo per scendere.
Appena sotto il pelo dell’acqua un rapido segnale con Marco per la direzione da prendere. Ci dirigiamo verso la parte più esterna, doppiando gli altri due sommi più profondi della secca.
Siamo quasi al punto più esterno quando,nel blu,intravedo una sagoma tonda di dimensioni notevoli: uno splendido pesce luna punta dritto verso il largo. Cerco di richiamare l’attenzione di marco, ma ormai è fuori dalla portata dei nostri occhi.
L’immersione comincia bene.
Costeggiamo una parete che rapidamente scende verso il blu, ci soffermeremo a guardarla in risalita.
Un’occhiata alla lancetta del profondimetro …..” – 52”, guardo verso il blu: il fondo adesso degrada molto dolcemente.
Degli aloni chiarissimi attirano la mia attenzione. Senza pensarci due volte ,un rapido segnale al mio compagno d’immersione, ci dirigiamo verso quello che ha attirato la nostra attenzione.
“-57”. Lo spettacolo che ci si presenta è incredibile ……. Una serie di cespugli bianco candido ondeggiano come piume nella leggera corrente. Realizziamo velocemente:corallo nero.
Giriamo attorno a quella che sembra una piccola coltivazione …. I profondimetri segnano “– 60”.
Diamo un’occhiata alle tabelle e ai manometri …. Ci resta pochissimo tempo, risaliamo un po’ e ci concediamo un minuto ad osservare questo spettacolo unico.
In quel minuto sono praticamente rimasto immobile in assoluta contemplazione ….. ero in quella condizione di pace interiore che solo il mio mare riesce a darmi …… il tempo si dilata ….. la concentrazione su quello che osservo elimina dalla mia mente qualsiasi altro pensiero.
Il minuto è trascorso dobbiamo risalire.
Costeggiando la parete seguita per la discesa, prendiamo la direzione della superficie, cercando di rispettare la velocità di risalita imposta dalla tabella.
La risalita, più lenta della discesa, ci consente di osservare con calma gli splendidi ventagli di gorgonie rosse che ricoprono la parete. Sono molto grandi e basta un colpo di lampada per rendere giustizia al loro colore. Laggiù i colori si perdono, sei realmente immerso nel blu.
Tra i ventagli di gorgonie scorgo due antenne:un’aragosta di notevoli dimensioni fa capolino da uno spacco nella roccia. Un po’ più avanti una bella murena ci accompagna per qualche metro di risalita.
Passando dal sommo più profondo, a quello meno profondo, osserviamo un branco di ricciole di piccole dimensioni che seguono la leggera corrente.
Arriviamo alle prime soste deco, molto brevi.
Un polpo si presta con molta tranquillità a giocare a nascondino con noi.
L’ultima sosta, la più lunga, ottima invece per ripercorrere con la mente le emozioni dell’immersione. Ritorno sul fondo, ripenso a quel minuto in cui è come se avessi vissuto in un’altra dimensione.
Un ok reciproco per segnalarci la fine della deco e lentamente raggiungiamo la superficie.
Tolte le maschere non abbiamo bisogno di parlare per esprimere la nostra contentezza.
Oggi il mare ci ha regalato emozioni uniche.

testo e foto © M.G.

Annunci

~ di mediterraneapassione su aprile 16, 2008.

4 Risposte to “Ricordi …”

  1. Certe immersioni ci lasciano un segno … un ricordo … che ci porteremo dentro per sempre io le chiamo le immersioni con le sirene … quelle che non dimentichi mai .. e che ti fanno ritornare per cercare ancora la stessa emozione …

  2. @ Bigbluedive … Hai perfettamente ragione … sono quelle immersioni che solo noi sappiamo riconoscere … quelle che ti regalano emozioni indescrivibili e che spesso nessuna parola è capace di esprimere … ma che restano indelebili nel tuo cuore ….
    Grazie di essere passato a trovarmi caro amico di bolle 😉
    Miky

  3. Che resoconto spettacolare! non ho mai fatto immersioni con bombole, mi sono sempre accontentato di fare “snorkeling” nella zona di Aci Castello..!

    Una mia amica fa parte di un diving club.. credo che prima o poi mi farò cooptare!!

    Buona giornata,

    Y BUENA VIDA

  4. @ Capitano … sono le meraviglie del mare ad essere spettacolari … e la pace interiore che riescono a regalarti …
    anche lo snorkeling va bene … e poi la tua zona si presta a meraviglia. Comunque … con qualsiasi mezzo lo si faccia … l’importante è farsi coccolare dall’abbraccio del mare.

    Ciao
    Miky

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: