Storia di una gabbianella ….

Quando sentì parlare per la prima volta di questo libro, la presentazione fu molto diversa dal suo reale contenuto. “Una favola per bambini”, mi dissero, “pensa che ci hanno realizzato anche un cartone animato!”
Qualcun altro invece: “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare è molto di più di una semplice favoletta … anzi, una storia che i bimbi dovrebbero leggere insieme ai genitori”.
Effettivamente aveva proprio ragione. L’ho letto in un giorno …sarà stato per la scorrevolezza e la semplicità con cui è scritto, perché parlava di “gatti del porto”, o per la grande morale che il libro contiene.
Con troppa facilità si parla di rispetto per l’ambiente, ma cosa facciamo realmente per salvaguardare il pianeta in cui viviamo, a cosa siamo disposti a rinunciare?
Forse se riuscissimo ad imitare anche solo in minima parte, l’esempio di solidarietà dato dai protagonisti del libro, avremo fatto un’enorme passo avanti.
Zorba, un “gatto del porto”, si ritrova casualmente ad accudire l’uovo della “gabbiana” Kengah. La quale, dopo essere stata travolta da un’onda di petrolio, termina il suo ultimo volo nel giardino del gatto.
Prima di morire, gli “estorce” la promessa di prendersi cura dell’uovo e di insegnare a volare al nascituro.
Zorba riesce nell’impresa grazie alla cooperazione degli altri gatti del porto. Tutti si prodigano per la gabbianella.
Dopo i falliti tentativi di insegnarle a volare, arriveranno anche ad infrangere il loro tabù: “miagolare con gli umani”.
Il prescelto è “l’umano” di Bubulina, il poeta, perché, come dice Zorba: “Forse non sa volare con ali d’uccello, ma ad ascoltarlo ho sempre pensato che voli con le parole”.
In una notte di pioggia, sulla torre di un campanile, riusciranno insieme nell’impresa:
“Bene gatto. Ci siamo riusciti” disse sospirando.
“si, sull’orlo del baratro ha capito la cosa più importante” miagolò Zorba.
“Ah sì? E cosa ha capito?” chiese l’umano.
che vola solo chi osa farlo ” miagolò Zorba.

© M.G.

Annunci

~ di mediterraneapassione su aprile 15, 2008.

7 Risposte to “Storia di una gabbianella ….”

  1. sempre Sepulveda, “Il mondo alla fine del Mondo”… l’hai letto?

  2. sembra assurdo ma è uno dei libri alla quale sono più legata 😀 mi ha sempre presa tantissimo 🙂

  3. @ Valeria … non l’ho letto … ma appena passo in libreria lo cerco. Grazie per la segnalazione.

    @ Elis … hai visto che abbiamo qualcosa in comune 😀
    in effetti non può non prenderti … a meno di non essere una persona priva di sentimenti 🙂

    Miky

  4. splendida storia molto emozionante, poi io adoro i gatti
    🙂
    piuttosto quello della foto qui sotto è troooooppoooooo bello
    cià
    Cla

  5. @ Claudia … una new entry dalla terronia 😀

    behhh … il mare sott’acqua è splendido … ma anche tutta la vita e le storie che gravitano attorno a lui …

    Grazie di essere passata ….
    Ciao
    Miky

  6. Eh già… vola solo chi osa farlo..
    E quando spicchi il volo non torni più indietro..

  7. @ demi4jesus … Posso assicurarti che sott’acqua è come volare. Ed anche da li … non si torna più indietro …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: